Il welfare rimborsuale

Il welfare aziendale, per la parte riguardante i valori concessi ai lavoratori dipendenti, può essere gestito attraverso diverse modalità; il rimborso delle spese è un sistema che riscontra sicuro interesse da parte dei lavoratori.

Le prestazioni rimborsabili possono essere così riassunte:

ISTRUZIONE (Scuole di ogni ordine, Testi scolastici, Mensa scolastica, Pre scuola e post scuola, Centri estivi e centri invernali)

FAMIGLIA (Servizi di assistenza per familiari anziani dai 75 anni o non autosufficienti con certificato medico)

TRASPORTO (Abbonamento a trasporto pubblico)

Per essere rimborsate le spese devono essere giustificate da documentazione atta a dimostrare l’effettiva fruizione del beneficio. Con apposito documento di prassi l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per accedere all’esenzione Irpef delle spese rimborsate dal datore per l’istruzione di un familiare il dipendente deve presentare un documento che dovrà contenere il fruitore; tale soggetto potrà essere anche l’intestatario del documento stesso. L’intestatario della documentazione però non dovrà essere un soggetto diverso dal dipendente.

Diverse istruzioni invece sono state fornite con la circolare dell’Agenzia delle entrate 5/E/2018 in merito invece al rimborso degli abbonamenti al servizio di trasporto. Difatti è stato precisato che per ottenere il rimborso delle spese di abbonamento al trasporto pubblico il dipendente deve esibire un documento da cui risulti durata dell’abbonamento e spesa sostenuta.

Nell’ipotesi di emissione o ricarica del titolo di viaggio in formato elettronico la documentazione deve contenere le indicazioni essenziali a qualificare il titolo di viaggio nonché ogni altra informazione utile a individuare il servizio anche attraverso l’indicazione del numero dell’abbonamento. Si ricorda che gli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico possono essere anche relativi a familiari a carico del lavoratore dipendente.

Di seguito forniamo un estratto della normativa relativa alle prestazioni elencate.

Abbonamenti trasporto pubblico

< d-bis) le somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro o le spese da quest’ultimo direttamente sostenute, volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale, per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei familiari indicati nell’articolo 12 che si trovano nelle condizioni previste nel comma 2 del medesimo articolo 12;>

Somme, servizi e prestazioni di educazione istruzione

< fbis) le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell’articolo 12, dei servizi di educazione e istruzione anche in età prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonché per la frequenza di ludoteche e di centri estivi e invernali e per borse di studio a favore dei medesimi familiari;>

Somme, servizi e prestazioni per l’assistenza di familiari anziani e/o non autosufficienti

< fter) le somme e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione dei servizi di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti indicati nell’articolo 12;>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *